The Last Shelter

  • Ousmane Samassékou
  • Francia
  • Mali
  • Sudafrica
- 2021 - 86'
Lingua: bambara, francese, inglese e moor - Sottotitoli: italiani

SINOSSI

La Casa dei Migranti di Gao, in Mali, è un rifugio al margine meridionale del deserto del Sahara. Accoglie chi è in transito verso nord, o sulla via del ritorno dopo un tentativo fallito di raggiungere l’Europa. Esther e Kady, due adolescenti arrivate del Burkina Faso, stringono amicizia con Natacha, una donna che ha perso la memoria, insieme alla speranza di ritrovare la via di casa. Il trio condivide momenti di gioia, speranza e tenerezza, ma le ragazze non riescono a scrollarsi di dosso il desiderio di un futuro lontano, anche quando questo si scontra con la realtà di chi è tornato, traumatizzato dal fallimento. La casa difficilmente può proteggere dal richiamo del deserto, dal suo mormorio lontano che sussurra storie di sogni e incubi.


NOTE

Acquista il biglietto per le proiezioni a Internazionale a Ferrara


LINK

Sito ufficiale

Pagina Facebook


BIOGRAFIA

Laureato in economia aziendale, Ousmane Zoromé Samassékou ha proseguito i suoi studi al Conservatorio di arti e mestieri multimediali di Bamako. Ha poi ottenuto un master in produzione e creazione di documentari all'Università Gaston Berger di Saint Louis, in Senegal. Ousmane è partner di DS Production a Bamako, dove è produttore, regista, operatore e montatore. Nel 2015 ha completato il suo primo lungometraggio documentario sui problemi dell'istruzione in Mali, Les héritiers de la colline, che ha vinto il Grand Prix du Jury al Festival di Agadir e la menzione speciale della giuria agli AMAA Awards . Il progetto del suo ultimo documentario lungometraggio The Last Shelter è stato presentato per la prima volta all'IDFA Forum nel 2019. Come co-produttore di Zinder di Aïcha Macky ha partecipato ai workshop Atlas nel 2020, Fabrique des Cinémas du Monde al festival di Cannes, Ouaga Film Lab e Produire au Sud del 3 Continents Film Festival di Nantes.

DICHIARAZIONE DELL'AUTORE

La città maliana di Gao, nel mezzo del Sahel, è teatro di profondi sconvolgimenti. Malgrado la calma apparente, è al centro delle maggiori sfide geopolitiche della regione, e luogo di transito dei migranti verso l'Europa: in decine di migliaia da tutto il continente passano di qui ogni anno. Dalla fine del 2016, la vicina Algeria ha inasprito la sua politica migratoria e la polizia effettua arresti di massa. Senza alcun processo i migranti vengono scortati indietro al confine nel sud del paese, o abbandonati in mezzo al deserto. Gao è diventata così un rifugio per molte persone che sognano l’Europa, simboleggiato da un luogo in particolare: la Casa dei Migranti, che accoglie ogni anno migliaia di persone, sia quelli che non vogliono più mettere piede all'inferno, sia chi vuole fare a tutti i costi un tentativo di raggiungere l’Europa. The Last Shelter racconta la storia di questa istituzione e dei suoi ospiti, la consapevolezza del trauma dell'esilio e del difficile ritorno alla propria famiglia. Il film vuole dar voce a coloro che non sentiamo mai, smarriti in una dimensione estranea, divisi tra un passato che vogliono cancellare e un futuro che non possono ancora scrivere. Ousmane Samassékou

IMMAGINI


PROIEZIONI

ottobre, 2021


ALTRI FILM SU QUESTI TEMI

X