Stolen

Regia:
  • Dan Fallshaw
  • Violeta Ayala
  • Australia
- 2009 - 77'
Lingua: Spagnolo, berbero, inglese - Sottotitoli: Italiani
Anteprima: Italiana

SINOSSI

Per il loro documentario sulla causa Saharawi, due giovani registi australiani avevano scelto di seguire una rifugiata nei campi profughi gestiti dal Fronte Polisario e la sua ricongiunzione con la madre, da cui era stata separata alla nascita. Il film prende una piega inattesa, quando alcuni Saharawi di colore nelle interviste accennano a una questione tabù: la loro liberà limitata. Fallshaw e Ayala si trovano così al centro di un intrigo molto più grande di loro, tra minacce, pressioni politiche e servizi segreti, incapaci di distinguere più i “buoni” dai “cattivi”. Un film problematico sulla difficoltà di capire, raccontare e prendere posizione rispetto a realtà complesse e lontane.


DICHIARAZIONE DEL REGISTA

All'inizio, realizzare questo film sembrava semplice. Avevamo ottenuto il permesso dal Fronte Polisario per visitare i campi profughi e avevamo i visti per l'Algeria. Poi, il giorno in cui arrivammo ad Algeri, due bombe esplosero fuori dal nostro hotel. I primi due viaggi nei campi filarono lisci, ma quando al terzo venne fuori la questione dello schiavismo, tutto cambiò. Nel momento in cui il Polisario si rese conto che stavamo filmando del materiale che non gli sarebbe piaciuto, cercarono di fermarci. Ci trattennero, e degli ufficiali della missione militare ONU vennero a negoziare la nostra liberazione. Nascondemmo i nastri delle riprese nel deserto, sperando che qualcuno potesse poi recuperarli e farli passare oltre confine. L'ambasciata australiana a Parigi dovette trattare la nostra uscita dall'Algeria, ma prima, cercando di recuperare le videocassette ci trovammo presi in un braccio di ferro tra il Polisario e il governo marocchino, seguiti da agenti dei servizi segreti, e in Marocco venti ore di riprese ci vennero rubate e sostitute con delle videocassette vuote. Per 18 mesi siamo stati da soli, con le nostre piccole videocamere e nessun sostegno, con il fiato sul collo del Fronte Polisario da una parte e del governo marocchino dall'altra.

IMMAGINI

X